Registro Italiano Bici
 

Il Registro Italiano Bici

Si tratta di un'anagrafe pubblica nazionale contenente i dati descrittivi delle biciclette registrate, unitamente ai riferimenti dei loro proprietari. Il registro è accessibile alle Forze dell'Ordine per le verifiche di proprietà, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, mentre può essere consultato gratuitamente da chiunque per conoscere lo stato di una bicicletta targata (scheda pubblica della bici).

Lo scopo del registro è quello di identificare univocamente una bicicletta, assegnandola legalmente ad uno preciso proprietario. Infatti, è notorio che nessuno è in grado di dimostrare in maniera certa e legalmente sostenibile la proprietà di una bicicletta a meno che questa disponga di una targa, che identifica quell'esemplare di bicicletta, e che sia censita in un registro pubblico riportante i riferimenti anagrafici del proprietario.

Il Registro Italiano Bici è l'unico registro delle biciclette riconosciuto in Italia dalle Forze dell'Ordine e utilizzato efficacemente, fin dal 2007, anno della sua introduzione, in oltre venti importanti città italiane, con più di sessanta mila biciclette registrate.

La sua completa gestione, secondo le più stringenti norme sulla Privacy e sulla sicurezza dei dati, è in carico alla società EasyTrust S.r.l..

Il Registro Italiano Bici, sebbene attualmente sia alimentato principalmente dal sistema di identificazione EasyTag BiciSicura (www.easytag.it, www.bicisicura.it, www.controllabene.it), divenuto ormai lo standard italiano di targatura della bicicletta, è per sua natura aperto anche ad altri sistemi identificativi di terze parti, quali la micro-punzonatura, l'impianto di chip attivi/passivi RFID e l'installazione di localizzatori GPS/GSM (vedi servizio NT-RIB).